martedì 27 aprile 2010

ADAPT parte 2

Le mie settimane a Londra, oltre ad essere state piene di grossi allenamenti sono state cariche di discussioni, nuovi concetti e prospettive inesplorate. Vediamo qui di formalizzare un po' le nuove idee che mi son fatto.
  • Classi, corsi e palestre. Fermo restando che continuo a trovare inutile e pericoloso l'allenamento in palestra (ma per me stesso, non per gli altri, per ragioni che esulano il Parkour in senso stretto), ho interiorizzato parecchie idee di Parkour Generations, dopo lunghe conversazioni con Johann, Blane, Dan e Forrest. Il parto doloroso è questo: non possiamo pretendere che chiunque pratichi il Parkour, lo pratichi con la stessa profondità con cui lo pratichiamo noi; dobbiamo accontentarci di trasferire quel poco di buono che ogni praticante ha voglia di assimilare. A questo punto quindi, le classi, i corsi in palestra e pure le lezioni nelle scuole, mostrano un altro lato: il Parkour sarà un evento lieto, un modo per stare in forma e per migliorare il proprio controllo sul movimento nello spazio, una scusa per fare un po' di moto o anche solo un antidoto contro l'obesità per un bambino sovrappeso. Ebbene si, non tutti i praticanti di Parkour diventeranno dei traceur, ma ciò non vuole assolutamente dire che chi passa dai corsi non possa cominciare a vivere il Parkour come l'abbiamo vissuto noi.
  • Standardizzazione e certificazioni. Beh, su questo punto ero già abbastanza convinto. E' un bene che siano stati i ragazzi di Parkour Generations e della ADDA a porre i paletti e a far riconoscere le certificazioni. Sono più che mai convinto che sia l'unico modo per mantenere pura la disciplina, seppur con la possibilità di trasmetterla a vari livelli. E' come nelle arti marziali, nessuno nega che un karateka debba recarsi in giappone per avere l'esperienza più completa e vera della disciplina (ed è sicuro che debba aspettare il consenso di un maestro certificato prima di insegnare), ma un corso tenuto da un maestro italiano ben preparato (e certificato dai maestri giapponesi) può cambiare la vita di un ragazzino di 8 anni. Magari il ragazzino non sarà mai un gran karateka (oppure lo diventerà, andando a studiare in un vero dojo, seguendo le indicazioni del suo primo maestro che è un vero karateka), ma quanto bene gli potrà aver fatto? Credo molto.
  • Lavoro. Alcuni del collettivo Parkour Generations riescono a vivere di Parkour, trasmettendolo e continuando a crescere nel contempo. Posso assicurare che ho toccato con mano la difficoltà di questa vita: il lavoro, per quanto a Londra ce ne sia parecchio, non arricchisce nessuno, davvero. Forse che anche in Italia si possa sopravvivere in questa nocchia? Credo che proverò a scoprirlo.
  • Struttura dei corsi. Certo c'è da dire che il tipo di insegnamento che portano avanti PkGen e ADDA è ben diverso dai corsi di "parkour" in palestra che si vedono in rete. Posso assicurare che la qualità non si è abbassata e che non si fanno "le cose che i bimbiminchia hanno voglia di fare così c'è più mercato". C'è una rigida deontologia professionale.
Nessuno, di certo non io, si sogna di affermare che per diventare un traceur c'è bisogno di seguire un corso. Ma quanti di noi sarebbero ciò che sono senza il loro primo workshop di parkour? Quanti di noi hanno desiderato spesso di avere un mentore? E quanti si sono accorti di quanto più efficaciemente si impara seguendo un esempio? Il punto centrale è: chi ha tenuto quel primo workshop? Chi era l'esempio che abbiamo seguito? Noi abbiamo avuto la fortuna di conoscere i fondatori, ma cosa succederà quando loro non avranno più il tempo o la voglia di continuare l'opera? Lasceremo morire il Parkour? O chiederemo loro il permesso di portarlo avanti?

11 commenti:

mrKaizen ha detto...

Personalmente ho incominciato per un senso di libertà e divertimento ma è stato il primo workshop (a Prato) a farmi capire e intraprendere la vera via. Anzi, a farmici sbattere la testa. Prima neanche sapevo di aver colto proprio poco, anche se cmq del buono.
..e poi i workshop servono per scremare la gente, il che è Buona cosa, a mio avviso.

Non ho idea di quale sia la direzione del futuro e non me ne preoccupo, però credo che ogni tempo, ma anche ogni persona, deve trovare i propri punti di riferimento.
É il solito discorso, find your way.
Dubito che i ragazzi di pk gen molleranno mai, anzi, però è anche molto bello che siano estremamente coerenti, che poi è, secondo me, uno degli aspetti più importanti.

Geno ha detto...

"Ma quanti di noi sarebbero ciò che sono senza il loro primo workshop di parkour?"
Fuck il Gato.. assumiti la responsabilità di ciò ke mi hai fatto! :D

gato ha detto...

Perchè consideri uno workshop di parkour il nostro primo incontro? hahaha..
geno, TVB.

Magik ha detto...

Non c'e che dire, parole sante !!!!

Axel ha detto...

Spero presto di poter parlare di tutto questo ed altro assieme a tutti voi.
Grazie Gato per aver condiviso la tua esperienza.

tiamotiodio ha detto...

Auguri, sei affiliato! Peccato per la foto, tra te e Tim Hurst ve la giocate su chi è più brutto! :-P
Colpa di chi le ha editate nel tuo caso, colpa della mamma di Tim che lo ha fatto un po' bruttino nel suo caso :-P

gato ha detto...

ah, grazie :)
comunque l'ho editata io, quindi me ne prendo la responsabilità. Tim, invece, l'ho conosciuto, e dal vivo non è così brutto!
:P

tiamotiodio ha detto...

ops...figuraccia (fischiettìo)

UrbanMonkey ha detto...

complimenti vivissimi anche da genova!
Penso sia stato un bellissimo risultato da raggiungere.. e spero che altri come te riescano e vogliano cercare di prendere l'adapt in modo da far crescere la disciplina anche qui nel rispetto dei principi a cui tutti teniamo.
Grande Gato!

silvia.paperblog ha detto...

Buongiorno,
Ti contatto tramite commento perché non ho trovato nessun altro modo per farlo.
Vorrei farti conoscere il servizio Paperblog, http://it.paperblog.com che ha la missione di individuare e valorizzare i migliori blog della rete. I tuoi articoli mi sembrano adatti a far parte di certe rubriche del nostro sito e mi piacerebbe che tu entrassi a far parte dei nostri autori.

Sperando di averti incuriosito, ti invito a contattarmi per ulteriori chiarimenti, domande o suggerimenti,

Silvia

Responsabile Comunicazione
Paperblog Italia
silvia@paperblog.com

tiamotiodio ha detto...

Avete visto che anche Foucan ha preso l'adapt? Mi sembra un atteggiamento molto maturo da parte sua...